News ed eventi

I nostri cani

I nostri gatti

Altri animali...

28 December

"BOTTI” DI CAPODANNO. L’ENPA RINGRAZIA I COMUNI CHE HANNO DETTO NO.

Da Trieste alla Sicilia, da Bologna a Pescara, da Ancona a Reggio Calabria, passando per Chieti*, Torino, Mo-dena, Pescara, Roma, Sassari, Cortina, Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto ecc., sono oramai oltre il migliaio i sindaci che hanno raccolto l'appello lanciato dalle associazioni animaliste contro i “botti” di Capodanno. In real-tà, quella dei botti e petardi, è una “contraddizione” tutta nostrana poiché, da un lato ne se proibisce giustamen-te l’utilizzo, dall’altro se ne consente la vendita. La stessa cosa accade per i collari elettrici per cani. Riusciremo mai a essere coerenti?
I botti e i petardi, ha spiegato l’Enpa, sono estremamente pericolosi per l'incolumità delle persone – come peraltro raccontano i consueti “bollettini di guerra” del primo dell'anno – e degli animali, selvatici e d'affezione, soggetti a stress e a veri attacchi di panico che ne possono provocare la morte o la fuga con tragiche conse-guenze.
Gli uccelli selvatici in particolare, ne sono terrorizzati e possono trovare la morte in una fuga inconsulta che li porta a sbattere contro muri e i cavi dell’alta tensione e qualunque altro ostacolo; quelli che riescono ad atterra-re o a posarsi in qualche albero spesso muoiono assiderati a causa delle rigide temperature invernali ed alla mancanza di un riparo e a causa dell’improvviso dispendio energetico a cui sono costretti in una stagione caratterizzata dalla scarsità di cibo che ne riduce l’autonomia. A ciò va aggiunto anche lo stress indotto dai botti, anch’esso causa di morte frequente.
“Nei gatti e nei cani un botto crea forte stress e spavento tali da indurli a fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare dal rumore a loro insopportabile, finendo spesso vittime del traffico con il risultato di gravi danni per loro e pericolo per la circolazione; ciò è dovuto in particolare alla loro soglia uditiva infinitamente più sviluppata e sensibile di quella umana. L’uomo ha un udito con una percezione compresa tra le frequenze denominate infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e quelle denominate ultrasuoni, sopra i 15mila hertz. Cani e gatti, invece, dimostrano facoltà uditive di gran lunga superiori: il cane fino a circa 60mila hertz mentre il gatto fino a 70mila hertz. Negli animali degli allevamenti, come mucche, cavalli e conigli, le conseguenze delle esplosioni possono provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto da spavento”. “Ricordiamo alle Autorità preposte” ricorda l’associazione “che anche il Codice penale, all’articolo 703, ammonisce chiunque senza licenza dell’Autorità “in luogo abitato (…) spara con armi da fuoco, accende fuochi d’artificio o lancia razzi. Chiediamo alle Forze dell’Ordine di intensificare i controlli facendo almeno rispettare le Leggi in tema di uso e detenzione. Per le fa-miglie che hanno un animale domestico piccoli, ma utili accorgimenti. Nei giorni cruciali delle feste tenete tem-poraneamente chiusi in un luogo comodo e rassicurante gli animali. In casa, il volume dello stereo o della tv un po’ alto è più familiare agli animali e soffoca altri rumori esterni. Uscite con il vostro cane sempre al guinzaglio, mantenete per primi un atteggiamento sereno, ignorando le manifestazioni di paura dell’animale per non raffor-zarne il comportamento”«Desideriamo esprimere la nostra più viva gratitudine agli amministratori locali che, con atti e provvedimenti concreti, hanno dimostrato grande sensibilità su un tema difficile come quello dei fuochi d'artificio, contro il cui utilizzo – spiega l’associazione - lottiamo da sempre..
Naturalmente, il risultato raggiunto quest'anno (e ogni anno si migliora sempre), con il vero e proprio boom di ordinanze “salvanimali”, rappresenta un traguardo importante, ma – secondo l’Enpa – si può e si deve fare di più: il nostro obiettivo è quello di liberare il nostro Paese da questa abitudine tanto inutile quanto dannosa. An-che per questo chiediamo, ai primi cittadini che ancora non avessero preso provvedimenti al riguardo, di seguire l'esempio dei loro colleghi più virtuosi e di dire basta una volta per tutte con i “botti”, assicurando un Capodanno il più possibile sereno e gioioso anche a uccelli, cani, gatti & Co. In particolare chiediamo ai Sindaci, anziché reiterare ogni anno l’Ordinanza che ne vieta l’utilizzo, di aggiungere un apposito articolo al Regolamento comunale sul benessere degli animali con pesanti senzioni. L’esempio è quello del recentissimo provvedimento del comune di Chieti che ha ottenuto due importanti riconoscimenti nazionali da parte dell’ANCI e della Federazione Italiana Cinofili (nel dettaglio a seguire l’articolo dalla cronaca locale).

All’assordante frastuono e alla pericolosità nel maneggiarli, i fuochi producono anche una notevole quantità di fumi tossici e nocivi che peggioreranno ulteriormente la già pessima qualità dell’aria, sommandosi al già gravis-simo inquinamento che stiamo subendo in questi giorni e del quale siamo tutti vittime. Un motivo in più dunque per vietarli.
Per quanto riguarda il divieto del frastuono provocato dai fuochi d’artificio vi è già una soluzione praticabile che accontenta tutti. Ricordiamo che, qualora le condizioni dell’aria lo consentissero, è comunque possibile eseguire spettacoli pirotecnici senza il “botto” com’è stato fatto Conegliano e la notte di Ferragosto del 2015 alla Darsena di Milano. Nella foto: http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/08/16/foto/milano_lo_spettacolo_dei_fuochi_d_artificio_alla_darsena_nella_notte_di_ferragosto-121054242/1/#1 Attorno alla mezzanotte la grane festa di Ferragosto 2015 ha avuto il suo clou alla Darsena con un grandioso spettacolo di fuochi d'artificio. Colori e luci dello spettacolo “'Energy for life” hanno animato il porto di Milano e incantato almeno 15mila persone di spettatori. E per una volta non hanno terrorizzato cani, gatti e altri animali perché i fuochi erano silenziosi, senza botti





Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, con l’approssimarsi delle festività natalizie, con una nota ricorda che, su tutto il territorio comunale, vige il Regolamento per il divieto di utilizzo di petardi e botti di ogni genere, approvato dal Consiglio Comunale il 18 dicembre del 2013 su iniziativa del Consigliere Comunale, Marco Di Paolo. “Al fine di tutelare la sicurezza urbana, in particolare dei più piccoli e degli animali domestici – ha affermato il Sindaco – ricordo che sul territorio del Comune di Chieti vige il divieto di utilizzare botti e petardi in virtù del regolamento comunale approvato grazie all’iniziativa del Consigliere Comunale Marco Di Paolo. Il regolamento disciplina in modo stringente l’uso di materiale esplodente, lasciando la possibilità di usare solo fuochi d’artificio professionali purché figurativi”. “Grazie a tale Regolamento – ha aggiunto il Consigliere Comunale Marco Di Paolo – che pone la nostra città tra le prime ad aver disciplinato definitivamente la materia senza dover ricorrere a ordinanze con limiti temporali, Chieti ha ottenuto due importanti riconoscimenti nazionali da parte dell’ANCI e della Federazione Italiana Cinofili.
Con l’adozione del Regolamento per il divieto di botti e petardi si è compiuto un gesto di grande cultura, lan-ciando un segnale soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, nonché di rispetto verso il prossimo, in particolare di anziani e bambini molto piccoli. È, inoltre, scientificamente provato l’effetto pericoloso di botti e petardi sulla salute dei nostri amici a quattro zampe tanto che l’iniziativa è stata seguita anche da molti altri Comuni”.
Sul territorio comunale è fatto divieto di esplodere botti di qualsiasi tipo (ad eccezione dei fuochi pirotecnici figurativi che si avvalgono di una tecnologia che evita il rumore) in tutti i luoghi pubblici e privati in cui si svolgono manifestazioni; all’interno di asili, scuole, ospedali, case di cura, uffici pubblici e ricoveri di animali, nonché nelle loro immediate vicinanze e comunque entro un raggio di 200 metri; in tutte le vie e aree pubbliche dove transitano o siano presenti persone e animali. La vendita presso gli esercizi commerciali abilitati è consentita esclusivamente nel rigoroso rispetto della legge mentre è vietato il commercio in forma itinerante di qualsiasi artificio o giocattolo pirotecnico. Le violazioni saranno punite con una sanzione da 150,00 a 3.000,00 euro.



Privacy | Powered by Agaweb srl

Informativa della legge sulla privacy

In questa pagina descriviamo le modalità di gestione del sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali, a coloro che interagiscono con i servizi web di:
ENPA - Treviso, accessibili per via telematica all’indirizzo: www.enpatreviso.it
L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
IL "TITOLARE" DEL TRATTAMENTO
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è la società ENPA - Treviso, con sede legale a Conegliano (TV) in provincia di Treviso, in Via Lourdes, 23 (Italia).
LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI
I dati raccolti tramite la compilazione di form di contatto vengono utilizzati in base al trattamento previsto dalla leggeI trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede della società e sono curati solo da personale autorizzato, o da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (mailing list, newsletter, risposte a quesiti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e non sono comunicate a terzi.
TIPI DI DATI TRATTATI
Dati di navigazione.
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informaticodell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.
Dati forniti volontariamente dall'utente.
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
COOKIES
Il sito http://www.enpatreviso.it utilizza cookie per fornire servizi che aumentino e migliorino l'efficacia del sito per le attività online degli utenti.

Come utilizziamo i cookie
Utilizziamo cookie di navigazione anonimi, necessari per consentire agli utenti di navigare correttamente su http://www.enpatreviso.it, utilizzare tutte le funzionalità ed accedere ad aree sicure. Utilizziamo cookie analitici per capire meglio come i nostri utenti utilizzano il sito web, per ottimizzare e migliorare il sito, rendendolo sempre interessante e rilevante per gli utenti.
Queste informazioni sono anonime, e utilizzate solo a fini statistici.
Utilizziamo i cookie commerciali anonimi per mostrarti le nostre pubblicità su altri siti web, in base ai prodotti che hai visualizzato nelle navigazioni precedenti. Questi cookie vengono solitamente inseriti da parti terze di fiducia (come Google attraverso il remarketing per la pubblicità display), tuttavia, ENPA Treviso non consente a tali società di raccogliere informazioni personali relative agli utenti. Ciò significa che sarà garantito l'anonimato e i dati personali non verranno usati da altri siti web o database di marketing.

Come modificare o disattivare le preferenze dei cookie
Puoi consentire la registrazione del nome utente e della password in cookies dopo la chiusura della sessione di navigazione e la loro attivazione al momento della visita successiva e puoi revocare questa autorizzazione in ogni momento, con effetti sul futuro, selezionando gli specifici parametri del browser che permettono di escludere l'attivazione dei cookies, con le seguenti modalità:

Mozilla Firefox:
1. Seleziona menu "Strumenti", poi "Opzioni"
2. Clicca su "Privacy"

Microsoft Internet Explorer:
1. Seleziona "Strumenti", poi "Opzioni Internet"
2. Clicca su "Privacy" (o "Riservatezza")
3. Scegli il livello di privacy desiderato utilizzando il cursore.

Chrome:
1. Seleziona "Strumenti", poi "Impostazioni"
2. Clicca su "Mostra impostazioni avanzate"
3. Nella sezione "Privacy", clicca su "Impostazioni contenuti".

Opera:
1. Seleziona "File", poi "Preferenze"
2. Clicca su "Privacy".

I visitatori possono disattivare Google Analytics per la pubblicità display e personalizzare gli annunci della Rete Display di Google utilizzando la Gestione preferenze annunci.
Per disattivare i cookie di parti terze che consentono la personalizzazione della pubblicità in funzione del comportamento sul sito web puoi visitare i siti www.networkadvertising.org e www.youronlinechoices.com per identificare i membri NAI ( (Network Advertising Initiative) che hanno inserito cookie pubblicitari sul tuo computer. Per usufruire della funzione opt-out dal programma di pubblicità comportamentale di un membro NAI o IAB, spunta la casella corrispondente alla compagnia che desideri escludere.
FACOLTATIVITA' DEL CONFERIMENTO DEI DATI
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, il conferimento dei dati contrassegnati con asterisco deve ritenersi obbligatorio per consentire l'erogazione dei servizi in oggetto, mentre il conferimento dei restanti dati è facoltativo e dunque la loro mancanza non produrrà alcuna conseguenza.
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati e non per gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. I dati raccolti, potranno essere utilizzati per conto del titolare del trattamento, dagli amministratori incaricati di svolgere servizi di elaborazione e di corretto svolgimento delle attività del sito.
DIRITTI DEGLI INTERESSATI
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte alla società ENPA - Treviso all'indirizzo treviso@enpa.org.