News ed eventi

I nostri cani

I nostri gatti

Altri animali...

19 November

CACCIATORE MASSACRA DI BOTTE IL CANE

Ormai, non passa giorno che la cronaca non riporti l’ennesimo esempio di incivile comportamento da parte di cacciatori che spadroneggiano in ogni luogo incuranti sia del rispetto delle regole che impone loro la legge, sia della buona educa-zione nel confronti del prossimo. Comportamenti superficiali troppo spesso causa d’incidenti mortali, tra “colleghi” e non, ma anche comportamenti volutamente aggressivi nei confronti di animali e persone che non tollerano le loro prepotenze.
L’ultimo della serie si è verificato di recente nelle campagne di Vazzola.
Erano circa le 10.00 di sabato 27 ottobre, un’amica e il suo figliolo giungono a far visita alla famiglia Rossi (nome di fantasia ndr) la signora Maria va ad accoglierli aprendo loro il cancello della proprietà e li accompagna in casa. Subito dopo sente le urla e i guaiti del loro piccolo meticcio Rocky, Maria si precipita fuori e vede un signore sulla settantina, che vestiva gli abiti classici del cacciatore, che colpisce ripetutamente e con veemenza il piccolo Rocky con il calcio del fucile e con poderose pedate.
Maria, terrorizzata e in lacrime si avvicinava al cacciatore implorandolo di fermarsi, che gli stava ammazzando il cane… ma senza alcun esito anzi, l’energumeno l’ha minacciata di rientrare in casa e ha anche tentato di aizzare il suo cane contro di lei. Maria, pur terrorizzata dall’energumeno che si accaniva con inusitata violenza contro il suo cagnolino e decisa a fare di tutto per salvarlo, è rientrata immediatamente in casa, ha preso il cellulare ed è riuscita scattando al “violentatore” un paio di foto e redarguendolo dicendogli che avrebbe immediatamente chiamato i Carabinieri, e così fece immediatamente. Nel frattempo il cacciatore, finito lo sfogo e forse temendo il peggio, si allontanava dalla proprietà lungo la stradina. Dopo pochi minuti giunse sul posto la pattuglia che fu relazionata sull’accaduto. Fu anche fatto notare loro che, a poca distanza dal violentatore, assistevano alla scena un paio di compagni di battuta che se ne sono ben guardati dall’intervenire per fermare il compagno dal massacro in atto.
Ovviamente il povero Rocky fu portato immediatamente all’Ospedale Veterinario che refertava: “Paziente in stato di shok, tachicardia, vistosa lacerazione di cinque cm. Della cute sulla groppa con abbondante perdita di sangue, enorme tumefa-zione sul lato destro dell’addome”. Il paziente, in prognosi riservata, è stato posto sotto terapia. La successiva radiografia ha confermato la diagnosi e rilevato anche un vistoso pneumoderma. Il rischio peritonite e le lesioni agli organi interni consigliavano l’intervento chirurgico una volta il paziente si fosse stabilizzato. Purtroppo non si è potuto procedere perché Rocky è deceduto il pomeriggio del giorno dopo per i terribili traumi subiti.
In pochi minuti è stato compiuto un atto di violenza inaudita manifestato da un accanimento ingiustificato tale da porre qualche dubbio sull’equilibrio mentale di questo signore che girava armato per le campagne del paese.
Naturalmente il cacciatore è stato subito denunciato e, dalle foto provvidenzialmente scattate, pare che sia stato pure identificato. Il reato contestato è di maltrattamento (Art. 544 ter c.p. (*)) ma, poiché quando è stata presentata Rocky era ancora in vita, ora si aggiungerà al reato precedente l’aggravante dell’uccisione dell’animale.
La pena prevista per il reato di maltrattamento è la reclusione da 3 a 18 mesi o la multa da 5.000 a 30.000 euro mentre, se da tale azione ne deriva la morte dell’animale la pena è aumentata della metà.

L’Enpa, contattata dalla famiglia, si è resa subito disponibile nel prestare tutto il necessario supporto legale è farà di tutto per evitare che questo animalicida concluda con il solito patteggiamento ma finisca a processo davanti a un giudice.
“Un evento di tale ferocia ed efferatezza deve essere punito con il massimo della pena e con una condanna esemplare che serva da monito nei confronti di tutti quei malintenzionati che sfogano le loro ire e frustrazioni su poveri animali indifesi. L’associazione annuncia che si costituirà parte civile”.
“Sono ormai troppo numerosi i fatti di cronaca che vedono coinvolti animali, specie cani e gatti, violenze di ogni tipo, dati alle fiamme, bastonati, sparati, avvelenati e altro. Basta, fermiamioli, la legge c’è e chiediamo con forza che venga applicata al massimo della pena”.
L'immagine può contenere: meme, cane e testo



SEDE LEGALE:
Via Lourdes, 23 - Conegliano
Tel. 347.5931683
Fax. 0438.21399
Mail: treviso@enpa.org



GATTILE DI CONEGLIANO:
Via Zamboni, 1 - Conegliano
Tel. 392.1939230 (matt. 9/11)
Tel. 375.5700606 (pom. 16.30/18.30)
Mail: treviso@enpa.org



RIFUGIO PER CANI DI SARANO:
Via Vanizza, 3-Sarano di S.Lucia di P.
Tel. 347.3586940
Mail: treviso@enpa.org




RIFUGIO PER CANI DI PONZANO:
Via Fossa, 5 - Ponzano Veneto
Tel/Fax: 0422-484019
Mail: rifugioenpatreviso@enpa.org





Privacy | Powered by Agaweb srl

Informativa della legge sulla privacy

In questa pagina descriviamo le modalità di gestione del sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali, a coloro che interagiscono con i servizi web di:
ENPA - Treviso, accessibili per via telematica all’indirizzo: www.enpatreviso.it
L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
IL "TITOLARE" DEL TRATTAMENTO
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è la società ENPA - Treviso, con sede legale a Conegliano (TV) in provincia di Treviso, in Via Lourdes, 23 (Italia).
LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI
I dati raccolti tramite la compilazione di form di contatto vengono utilizzati in base al trattamento previsto dalla leggeI trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede della società e sono curati solo da personale autorizzato, o da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (mailing list, newsletter, risposte a quesiti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e non sono comunicate a terzi.
TIPI DI DATI TRATTATI
Dati di navigazione.
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informaticodell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.
Dati forniti volontariamente dall'utente.
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
COOKIES
Il sito http://www.enpatreviso.it utilizza cookie per fornire servizi che aumentino e migliorino l'efficacia del sito per le attività online degli utenti.

Come utilizziamo i cookie
Utilizziamo cookie di navigazione anonimi, necessari per consentire agli utenti di navigare correttamente su http://www.enpatreviso.it, utilizzare tutte le funzionalità ed accedere ad aree sicure. Utilizziamo cookie analitici per capire meglio come i nostri utenti utilizzano il sito web, per ottimizzare e migliorare il sito, rendendolo sempre interessante e rilevante per gli utenti.
Queste informazioni sono anonime, e utilizzate solo a fini statistici.
Utilizziamo i cookie commerciali anonimi per mostrarti le nostre pubblicità su altri siti web, in base ai prodotti che hai visualizzato nelle navigazioni precedenti. Questi cookie vengono solitamente inseriti da parti terze di fiducia (come Google attraverso il remarketing per la pubblicità display), tuttavia, ENPA Treviso non consente a tali società di raccogliere informazioni personali relative agli utenti. Ciò significa che sarà garantito l'anonimato e i dati personali non verranno usati da altri siti web o database di marketing.

Come modificare o disattivare le preferenze dei cookie
Puoi consentire la registrazione del nome utente e della password in cookies dopo la chiusura della sessione di navigazione e la loro attivazione al momento della visita successiva e puoi revocare questa autorizzazione in ogni momento, con effetti sul futuro, selezionando gli specifici parametri del browser che permettono di escludere l'attivazione dei cookies, con le seguenti modalità:

Mozilla Firefox:
1. Seleziona menu "Strumenti", poi "Opzioni"
2. Clicca su "Privacy"

Microsoft Internet Explorer:
1. Seleziona "Strumenti", poi "Opzioni Internet"
2. Clicca su "Privacy" (o "Riservatezza")
3. Scegli il livello di privacy desiderato utilizzando il cursore.

Chrome:
1. Seleziona "Strumenti", poi "Impostazioni"
2. Clicca su "Mostra impostazioni avanzate"
3. Nella sezione "Privacy", clicca su "Impostazioni contenuti".

Opera:
1. Seleziona "File", poi "Preferenze"
2. Clicca su "Privacy".

I visitatori possono disattivare Google Analytics per la pubblicità display e personalizzare gli annunci della Rete Display di Google utilizzando la Gestione preferenze annunci.
Per disattivare i cookie di parti terze che consentono la personalizzazione della pubblicità in funzione del comportamento sul sito web puoi visitare i siti www.networkadvertising.org e www.youronlinechoices.com per identificare i membri NAI ( (Network Advertising Initiative) che hanno inserito cookie pubblicitari sul tuo computer. Per usufruire della funzione opt-out dal programma di pubblicità comportamentale di un membro NAI o IAB, spunta la casella corrispondente alla compagnia che desideri escludere.
FACOLTATIVITA' DEL CONFERIMENTO DEI DATI
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, il conferimento dei dati contrassegnati con asterisco deve ritenersi obbligatorio per consentire l'erogazione dei servizi in oggetto, mentre il conferimento dei restanti dati è facoltativo e dunque la loro mancanza non produrrà alcuna conseguenza.
MODALITA' DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati e non per gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. I dati raccolti, potranno essere utilizzati per conto del titolare del trattamento, dagli amministratori incaricati di svolgere servizi di elaborazione e di corretto svolgimento delle attività del sito.
DIRITTI DEGLI INTERESSATI
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte alla società ENPA - Treviso all'indirizzo treviso@enpa.org.